Premio De Lorenzo, designati i vincitori


Designati i vincitori della prima edizione del Premio intitolato alla memoria di Giuseppe De Lorenzo, geologo ed orientalista nato a Lagonegro nel 1871 e scomparso a Napoli nel 1957. L’iniziativa è stata promossa, con il patrocinio del comune di Lagonegro, dalle associazioni  “A Castagna ra Critica” e “I Pionieri ed ex alunni del Liceo Scientifico ‘G. De Lorenzo’ di Lagonegro”.

Il Premio “G. De Lorenzo” è articolato in sei sezioni: Scienza; Letteratura; Storia; Filosofia; Religione e spiritualità.

La giuria, composta da Santino Bonsera (Presidente), Luigi Beneduci, Rocco Brancati, Nunziante Capaldo, Fortuna Falanga Maurizio Lazzari, Domenico Sammartino, Marcello Schiattarella, ha deciso di assegnare, per la sezione scientifica, il premio a Francesco De Sio Lazzari per la curatela del volume collettivo “Antonio Lazzari e la Terra madre”. L’opera, che riecheggia il titolo di un fondamentale testo del De Lorenzo, contiene al suo interno un saggio sulla geologia dello studioso lagonegrese.

Per la sezione di Letteratura, invece, il premio è stato attribuito a Raffaele Nigro per il libro “Ritorno in Lucania” Progedit edizioni. L’opera è espressione della valorizzazione del territorio naturalistico – culturale lucano e mediterraneo da parte di uno dei suoi più profondi interpreti.

Il premio della sezione storica è andato a Gaetano Morese per il carteggio inedito di De Lorenzo con Croce e Nitti dal titolo “Fra il Vesuvio, l’Etna e l’Himalaya. Giuseppe De Lorenzo dalle lettere a Benedetto Croce e Francesco Saverio Nitti (1901 – 1954)” Edizioni Ermes. L’opera, per il suo apporto innovativo alla conoscenza delle tre illustri personalità, ha ricevuto anche una segnalazione nell’ambito della Quarantaseiesima edizione del Premio Letterario Basilicata.

Mariangela Caporale con il volume “Povertà è sua madre. Ragione filosofica e nuovo pensiero” Aracne edizioni, è la vincitrice della sezione di Filosofia. L’autrice nel volume fornisce un importante contributo al confronto interreligioso, in chiave filosofica, in stretta coerenza con gli interessi delorenziani.

Il premio della sezione di Religione e spiritualità è stato assegnato a Antonio Salvati autore di “De Lorenzo e il buddhismo” edizioni Orientexpress. Nel volume la biografia intellettuale, il pensiero ideologico e spirituale di De Lorenzo è affrontato con grande rigore.

Il Premio speciale, assegnato liberamente senza vincolo disciplinare, è stato attribuito a Tiziana Lioi per l’opera “Viaggio in Cina 1907 -1908. Diario di Giovanna Vacca” L’Asino d’oro Edizioni, che incarna il fruttuoso rapporto di conoscenza reciproca tra Oriente ed Occidente, che è stata una preoccupazione costante anche dello studioso lucano.

L’evento che commemora i sessanta anni dalla scomparsa dello scienziato, si svolgerà il 3 dicembre nella Sala del Consiglio comunale a Lagonegro; la giornata di celebrazioni si aprirà in mattinata  con il Convegno “Sociologia del territorio: da De Lorenzo al geoturismo in Basilicata” (registrazione dalle ore 9,00 con inizio alle 10,00) accreditato presso l’ordine dei Geologi di Basilicata per l’assegnazione di crediti formativi, e si concluderà in serata, a partire dalle ore 18,00 con la cerimonia di consegna dei riconoscimenti alla presenza degli autori. Condurrà la cerimonia il giornalista Rocco Brancati, gli intermezzi musicali saranno interpretati da Mariangela Megale alla chitarra. Alla celebrazione saranno affiancati altri eventi culturali a cura della Pro Loco Kaleidos della città di Lagonegro.

Post più letti

Il Bagutta a Enrico Deaglio, Jonathan Bazzi premiato per l'opera prima

"La stella di Andra e Tati": dalla storia vera della sorelle Bucci, la Shoah raccontata ai bambini

Angelo Mellone incontra gli studenti dell'Istituto Fermi di Policoro